Blog

Le ultime novità del settore immobiliare

IL CONTRATTO DI AFFITTO 3+2: COS’È E COSA SAPERE SUL RINNOVO

IL CONTRATTO DI AFFITTO

Il contratto di affitto a canone concordato 3+2 a uso abitativo fra privati è una tipologia di locazione che agevola entrambe le parti. L’inquilino, infatti, può beneficiare di tariffe contenute e il proprietario dell’immobile può godere di alcuni vantaggi fiscali. Andiamo a vedere di seguito di cosa si tratta, la durata e le informazioni da conoscere relativamente al rinnovo.

Cos’è e come funziona il contratto di affitto 3+2?

Il contratto di affitto 3+2, conosciuto anche come contratto di locazione agevolato, ha una durata di 3 anni, al termine dei quali si rinnova automaticamente per altri 2 mantenendo le medesime condizioni contrattuali. Ci sono svariati fattori da considerare per determinare il canone di affitto tra i quali, ad esempio, l’ubicazione e i metri quadrati dell’immobile, la categoria catastale, lo stato di manutenzione o la presenza di servizi accessori.

Quanto dura un contratto di locazione 3+2?

Questa tipologia di contratto di locazione prevede una durata di 3 anni che può essere rinnovata per altri 2, a patto che né del locatore né del locatario presentino una disdetta. Alla scadenza dei 2 anni, le parti hanno due opzioni, ovvero possono rinnovare il contratto oppure disdirlo.

È bene ricordare che la disdetta va presentata tramite raccomandata o Pec rispettando il termine di preavviso di almeno sei mesi. Al contrario, si rinnova automaticamente per i successivi 2 anni alle stesse condizioni se le parti non comunicano la propria volontà di recesso.

In quali casi il locatore può recedere dal contratto dopo i primi tre anni?

Il proprietario dell’immobile può presentare la disdetta alla scadenza dei primi tre anni in alcuni casi, ovvero:

  • se necessita dell’immobile oppure se lo vuole mettere in vendita;
  • l’immobile si trova in un edificio danneggiato che andrà ristrutturato o ricostruito;
  • l’inquilino dispone di un alloggio nello stesso comune o non occupa in maniera continuativa la casa affittata.

Come si rinnova un contratto 3+2?

Questa tipologia di contratto di locazione ha una durata di 3 anni, al termine dei quali si rinnova in automatico per altri 2, salvo disdetta.

Secondo la legge, la durata contrattuale non può essere inferiore ai tre anni. Il conduttore può recedere in ogni momento, nel caso di gravi motivazioni, sempre presentando la disdetta con un preavviso di almeno 6 mesi.

Con l’approvazione delle due parti, può essere rinnovato anche un secondo contratto 3+2, la cui proroga avviene tramite l’inoltro del modulo specifico all’Agenzia delle Entrate.

https://www.keyimmobiliare.com/blog-case-novita-immobiliare/

https://www.facebook.com/keyimmobiliare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *