Blog

Le ultime novità del settore immobiliare

ACCERTAMENTO FISCALE:SI RISCHIA SE IL PREZZO DELL’IMMOBILE È TROPPO BASSO

ACCERTAMENTO FISCALE

Se, quando si vende e compra casa, si dichiara un valore dell’immobile inferiore rispetto al prezzo effettivamente richiesto e corrisposto, si rischia in fase di accertamento fiscale di pagare delle sanzioni.

Le tasse da pagare quando si compra casa

Durante la compravendita le imposte dipendono da diversi fattori, che variano a seconda che il venditore sia un privato o un’impresa. Nel primo caso, ossia quando chi vende è un privato, l’acquirente dovrà pagare:

  • imposta di registro proporzionale del 2%;
  • imposta ipotecaria fissa di 50 euro;
  • imposta catastale fissa di 50 euro.

Per le cessioni di immobili a uso abitativo, la legge prevede uno specifico meccanismo per determinare la base imponibile delle imposte di registro, ipotecaria e catastale: il sistema del “prezzo-valore”, criterio introdotto nel 2006.

La sua finalità è assicurare trasparenza nelle compravendite immobiliari ed equità del prelievo fiscale: il prezzo-valore, infatti, consente la tassazione del trasferimento degli immobili sulla base del loro valore catastale, indipendentemente dal corrispettivo pattuito e indicato nell’atto.

Inoltre, questo sistema implica anche una rilevante tutela per l’acquirente, in quanto limita il potere di accertamento di valore da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Vendita casa: quando si rischia l’accertamento

Dichiarare un valore dell’immobile inferiore rispetto al prezzo corrisposto comporta, invece, alti rischi di accertamento fiscale da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Ci sono vari strumenti a disposizione per stanare le evasioni, per esempio le stime dell’Osservatorio del mercato immobiliare (Omi), l’entità del mutuo richiesto dall’acquirente o il confronto con gli immobili nelle zone adiacenti.

È il giudice a valutare le prove nel loro complesso e verificare se congiuntamente possano supportare adeguatamente la rettifica operata dall’ufficio.

Nel caso in cui risulti una vendita immobiliare con prezzo troppo basso, l’Agenzia notifica un accertamento per ottenere il pagamento della maggiore imposta di registro, imposta ipotecaria e catastale.

Applica inoltre le relative sanzioni.

https://www.keyimmobiliare.com/blog-case-novita-immobiliare/

https://www.facebook.com/keyimmobiliare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *